Giornate internazionali sulla violenza contro la DONNA. - Monica Catalano
710
post-template-default,single,single-post,postid-710,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Giornate internazionali sulla violenza contro la DONNA.

Giornate internazionali sulla violenza contro la DONNA.

Eppure quella che mi preme evidenziare non è esclusivamente la violenza di genere, quanto quella più sottile e invisibile, c u l t u r a l e, sulla DONNA in quanto dimensione interna dell’essere umano. Intendo quella dimensione ritenuta “femminile” se vogliamo, appartenente naturalmente a tutti noi: libera, poetica, musicale, sensata seppur senza ragione, che ci fa innamorare ed essere creativi. La DONNA che non fa rapporti per riceverne benefici materiali, ma che cerca proprie ed altrui realizzazioni di identità. Questa dimensione, a volerla rappresentare, forse avrebbe immagini curvilinee, colori delicati e sfumature alle quali avvicinarsi con sensibilità. Sarebbe composta di equilibri tanto delicati che basterebbe molto poco ad infrangerla. Ecco: contro la violenza nessuno può fare nulla, ma mi chiedo se non si possa fare una ricerca di approfondimenti per comprenderne meglio l’origine. Viene da chiedersi se questa violenza non sia un s i n t o m o che la divulgazione mediatica si impegna a vendere come m a l a t t i a da combattere e contro cui accanirsi…Inutilmente. Mi chiedo se non ci sia da andare a fondo con maggiore complessità, con un lavoro collettivo e intelligente, dei motivi cardine che producono tali azioni. Mi chiedo perché, quando si incontra la bellezza incarnata in un paio di profondi e vibranti occhi scuri sia così difficile riconoscersi sedotti piuttosto che fingersi indifferenti e perché di fronte a curve sinuose, dimostrare una spavalda rigidità piuttosto che rischiare un ammirato imbarazzo? Forse questa della DONNA e dell’ i m m a g i n e femminile, resterà sempre una sfida difficile nel mondo della fredda ragione, ma credo la possiamo vincere tutti se la riteniamo una nostra naturale ricchezza da salvaguardare.

Monica
Monica Catalano
lio.moni@gmail.com
Nessun commento

Posta un commento